Soluzioni con strumenti di controllo Vuototecnica


Vacuostati mini pneumatici Vuototecnica: al passo con i tempi

Efficienza, leggerezza, piccole dimensioni. Sono le parole chiave dell’innovazione nei tempi che stiamo vivendo. Vuototecnica risponde sempre in maniera pronta e ricettiva alle indicazioni del mercato e per venire incontro alle esigenze dei clienti ha ideato un vacuostato dalle dimensioni ridottissime: il vacuostato mini pneumatico.

vacuostati mini pneumatici

Questo dispositivo è in grado di dare o togliere, a seconda del modello, un segnale pneumatico al raggiungimento di un determinato grado di vuoto, precedentemente impostato dal cliente.

È ideale per il controllo dei generatori di vuoto multistadio PVP 25/ 75 MDX di Vuototecnica che, nella loro conformazione, hanno una speciale sede per l’installazione di questo vacuostato mini.

Una volta montato, abbinato a una valvola a corsoio pneumatica e a un’apposita valvola di ritegno, permette all’utilizzatore un consistente risparmio energetico dell’aria compressa di alimentazione e amplifica le potenzialità del generatore. Il differenziale di pressione esistente tra il valore massimo impostato e quello di ripristino del segnale a riposo è pari a circa 100mbar.

top
L’importanza dei test sottovuoto in campo alimentare



La conservazione sottovuoto degli alimenti ha rivoluzionato il modo in cui conserviamo i cibi, consentendo di mantenere inalterate le caratteristiche dei prodotti freschi più a lungo. Ma per offrire ai consumatori prodotti di qualità è necessario controllare il grado di vuoto delle confezioni.

Pensando alle necessità delle aziende alimentari, Vuototecnica ha progettato un vuotometro con punzone d’acciaio in grado di rilevare immediatamente il grado di vuoto all’interno di barattoli di latta e altri contenitori per alimenti.

Il vuotometro in bagno di glicerina 09 05 99 è fornito di un punzone d’acciaio temprato, che permette di forare facilmente i contenitori, e di una ventosa in grado di mantenere il vuoto in seguito alla foratura della confezione da testare.

Il quadrante di lettura è racchiuso in una robusta cassa metallica con vetro antistante e dispone di doppia scala di misurazione. L’organo di misura è basato sul principio di funzionamento della molla Bourdon, per la massima precisione. Tutti i vuotometri Vuototecnica sono costruiti in osservanza a tutte le norme di sicurezza e le unità di misura in vigore nella CE.

top
Vacuostati digitali Vuototecnica: semplici, precisi, affidabili ed energy saving

Per l’avvio di cicli di lavoro, per ragioni di sicurezza, per la gestione e il risparmio d’energia, c’è bisogno di strumenti accurati che facilitino le operazioni di misurazione e verifica dei valori di vuoto generati da fonti di aspirazione quali pompe a palette rotative o eiettori pneumatici.

Vuototecnica offre, a questo proposito, un’ampia gamma di vacuostati, tra cui quelli digitali, estremamente compatti e leggeri. Per questa loro caratteristica possono essere montati in prossimità dell’utilizzo oltre a essere immediati e intuitivi strumenti per l’utilizzatore finale.
ventose ellittiche piane
Il prodotto di punta di questa gamma di componenti è certamente rappresentato dal vacuostato digitale 12 10 10. La sua configurazione cilindrica compatta, con display, permette la visualizzazione immediata dei valori di vuoto rendendo superfluo l’utilizzo di un vuotometro; può essere inoltre ruotato comodamente sul proprio asse senza che l’utente debba svitarlo dalle connessioni del vuoto.

Il dispositivo è facilmente programmabile grazie al pannellino di comando: punti di commutazione, isteresi da 0 al 100% del valore impostato e altre funzioni aggiuntive come la comparazione tra valori, contatti NO e NC, scelta dell’unità di misura, blocco delle funzioni e dei valori programmati.

Due LED, uno verde e uno rosso, sono integrati sul pannello e indicano lo stato di commutazione dei due segnali digitali in uscita. Le due uscite di commutazione sono indipendenti.

Viene assemblato, di serie, a bordo dei generatori di vuoto multistadio e multifunzione della gamma GVMM, assicurando non solo il controllo dell’avvenuta generazione di vuoto all’utilizzo ma anche la gestione dell’alimentazione dell’aria compressa che alimenta l’eiettore pneumatico, grazie alla funzione isteresi e ad uno specifico cavo elettrico di gestione Energy Saving; permettendo di fatto un notevole risparmio energetico.

Vuototecnica presenta inoltre nella propria gamma un microvacuostato digitale 12 05 10 P dalle dimensioni ancor più ridotte e tempi di commutazione inferiori ad 1 millisecondo.

top
Mantenere il grado di vuoto costante con i riduttori Vuototecnica

In ambito ospedaliero, nei cantieri, nell’industria, in laboratorio e ogni qualvolta ci sia bisogno di mantenere un grado di vuoto costante e regolabile un riduttore di vuoto è la soluzione ideale. Esistono riduttori specifici in base all’utilizzo, per bassi o alti gradi di vuoto.
Il riduttore di vuoto è uno strumento prezioso, ad esempio, sugli impianti centralizzati in cui ogni conduttore può essere regolato entro un valore diverso dal grado di vuoto della centrale.

riduttori di vuoto

Vuototecnica è pioniere in Italia nella produzione di riduttori di vuoto all’avanguardia. Da oltre trent’anni i riduttori sono la punta di diamante del catalogo Vuototecnica e ne esistono di diversi tipi.

• I riduttori con regolazione manuale, tramite vite zigrinata, il cui funzionamento è basato sulla differenza esistente tra pressione atmosferica e la depressione richiesta per il lavoro;
• I riduttori manuali per basso grado di vuoto, grazie ai quali è possibile regolare il grado di vuoto minimo in modo da avvicinarsi di molto al valore della pressione atmosferica;
• I riduttori di vuoto con regolazione pneumatica, che sfruttano i principi pneumatici nella definizione del rapporto tra pressione dell’aria compressa di alimentazione e grado di vuoto da ottenere. Questi riduttori si possono installare anche in un luogo lontano dal punto di controllo e funzionano tramite un regolatore di pressione sul quadro comandi.

Il vuoto è mantenuto costante dai riduttori Vuototecnica anche quando sono presenti oscillazioni della pompa o del depressore; l’aria atmosferica non entra mai nei circuiti e si evitano così produzioni deformate dalla troppa depressione.

top
Vuotometri e manometri sempre più di precisione
Vuotometri e manometri

Un’estremità della molla, in una speciale lega di rame, viene saldata al perno filettato del vuotometro-manometro formando un corpo unico, mentre l’altra estremità, chiusa, è lasciata libera, in modo che si sposti, e quindi misuri il grado di vuoto, a seconda della pressione o della depressione che passano nel corpo della molla, deformandola.
La misurazione del vuoto si basa sostanzialmente sul principio di funzionamento della molla coniato nel 1800 dall’ingegnere e orologiaio francese Eugène Bourdon.

Da questo principio base si sono sviluppate intere gamme di vuotometri sempre più innovativi, racchiusi in robuste casse metalliche, con quadranti anche a doppia scala e indici, a disposizione sul mercato nelle versioni più disparate: vuotometri con attacchi radiali o coassiali, con flangia da incasso o per esterno, a secco o bagnate in glicerina. La scelta è veramente vasta tra gli strumenti di misura, controllo e regolazione del vuoto, sia analogici che digitali, utili per fornire un segnale digitale molto preciso al valore di misurazione massimo impostato.

Per conoscere quale vuotometro è più adatto alle tue attività, rivolgiti al team di esperti di Vuototecnica, che ti consiglieranno una soluzione più customizzata tra la numerosa gamma di vuotometri e manometri Vuototecnica. Da Vuototecnica potete trovare tutti i manometri e vuotometri più utili alle vostre necessità operative, tutti costruiti in perfetta osservanza alle norme di sicurezza e con le unità di misura in vigore nella Comunità Europea.

top