consulentefidato.it
Home page Vuototecnica
Vuototecnica è tecnologia del vuoto




Vuototecnica Newsletter
Follow us on Twitter
let's meet on facebook
Keep in touch on Linkedin
Vacuumdaily.com
Vacuumdaily.net
YouTube Vuototecnica Channel

Soluzioni Vuototecnica - 11

Vetrina di soluzioni e applicazioni che usano la tecnologia del vuoto Vuototecnica.

Attenzione:
se non vedete i video aggiornate il vostro browser (Internet Explorer, Firefox, Chrome, Opera, Safari, ecc.) all'ultima versione disponibile.

Una nuova serie di ventose a soffietto Vuototecnica: più performance, meno pensieri


Nuove ventose a soffietto Le novità Vuototecnica continuano anche sotto il sol leone. Nasce infatti una nuovissima serie di ventose a soffietto, aggiornata secondo le richieste dei produttori, con persino maggiore efficienza rispetto al passato.

Ideate per la manipolazione di scatole di cartone, nel settore del packaging, le ventose possono essere altrettanto efficaci in svariati settori applicativi.

La loro particolarità più evidente è che sono in grado di compensare l’altezza di presa e al tempo stesso di garantire ottima tenuta e stabilità al momento di prelevare l’articolo..

Il labbro della ventosa è stato studiato appositamente, con delle canalizzazioni d’aspirazione, per far sì che si adegui perfettamente all’oggetto da prelevare..

È possibile inoltre scegliere mescole, supporti e accessori in base alle esigenze applicative e di fissaggio sull’automatismo.

Qui potete visualizzare i disegni tecnici e conoscere le specifiche delle ventose e dei loro supporti.

Per saperne di più e richiedere la vostra mano di presa personalizzata, contattate lo staff Vuototecnica.
Nuove ventose a soffietto
top

Stampanti 3D e customizzazione delle teste di presa Octopus Vuototecnica


Octopus tramite stampante 3D Tra le novità del 2015, Vuototecnica ha presentato le nuove teste di presa di Octopus realizzate con stampante 3D per singoli pezzi.

Un’assoluta novità che permette una personalizzazione del prodotto prima impensabile.

Grazie a questa soluzione, i problemi di manipolazione dei clienti vengono trattati caso per caso, con teste di presa customizzate ad hoc per assecondare la forma dell’oggetto da prelevare, fino ad avvolgerlo e trattenerlo.

Le mani di presa sono realizzate in ABS e per questo riescono a essere allo stesso tempo resistenti e leggere.
All’interno delle teste è possibile prevedere cartucce per vuoto PVR 1-4 o generatori venturi monostadio così da avere sempre e comunque la generazione del vuoto a bordo della mano di presa sagomata.

Si tratta di una soluzione allo stato dell’arte, ideale per robot antropomorfi o flexible picker.

Per saperne di più e richiedere la vostra mano di presa personalizzata, contattate lo staff Vuototecnica.
Octopus tramite stampante 3D
top

Movimento fluido e pulizia nella palettizzazione del legno tramite Octopus di Vuototecnica


Il robot pallettizzatore che vedete nel video si occupa della disposizione di liste di legno grazie alla barra Octopus BO 12 120 X di Vuototecnica con una semplicità operativa fuori dal comune.

In genere quando si assemblano unità di generazione di vuoto esterne, come i classici aspiratori a canali laterali, ci sono diversi problemi cui far fronte.

Oltre a essere rumorosi, gli aspiratori obbligano l’integratore del robot a portare alla mano di presa tubazioni per il vuoto grossi e ingombranti (con sezioni interne da 40/50 mm) che limitano i movimenti del polso del robot.
Con il sistema di presa a depressione di Vuototecnica invece, come potete vedere, il cliente ha utilizzato canalizzazioni di distribuzione dell’aria compressa standard da 6/8 mm, all’interno del robot antropomorfo, per alimentare i venturi multistadio posti direttamente sulla barra Octopus.

Notate la maggiore pulizia dell’impianto? Il movimento del robot non ha nessun intralcio e si esegue in maniera fluida. È possibile, così facendo, prevedere anche un contro-soffio all’interno della barra Octopus, quando sia necessario rilasciare le liste di legno, ad esempio quando si vuole aumentare la velocità o ottenere maggiore pulizia e eliminare trucioli e polvere del legno.

E i vantaggi non finiscono qui. Tutti i sistemi Octopus sono composti da materiali di alta qualità: alluminio anodizzato per lo scatolato; un filtro in rete microfine sull’aspirazione, di facile ispezione, in acciaio inox e un’ampia scelta di accessori e componenti e di piani aspiranti, a seconda dei prodotti da manipolare.

Non c’è neanche bisogno di riposizionare le ventose, Octopus è efficace nella presa anche quando la superficie degli oggetti da manipolare occupa solamente il 5% del piano aspirante.
top

Pannocchie e gomma spugna: la ricetta di presa perfetta


Per la presa di prodotti dalla superficie irregolare, Vuototecnica propone le sue speciali ventose in gomma spugna.

In questo video vedete un’applicazione delle ventose su prodotti alimentari, come le pannocchie, che presentano una superficie a grani, di difficile presa.

La gomma spugna di queste ventose ha infatti una densità che consente un’ottima tenuta anche su prodotti ruvidi o dal profilo irregolare come marmi segati, bocciardati o fiammati, lamiere bugnate, antisdrucciolo o grecate, manufatti in cemento grezzo, piastrelle da giardino con graniglia.
È possibile impiegarle entro range di temperatura da -40 °C a +80 °C per la gomma spugna arancio OF e da -20 °C a +80 °C per quella neoprenica NF, e mantengono la loro elasticità anche dopo tanti cicli di lavoro.

Grazie al loro lato autoadesivo, le ventose si attaccano rapidamente ai supporti in alluminio anodizzato, dotati di foro centrale filettato per il fissaggio al meccanismo automatico.

Sono disponibili anche supporti più grandi con due fori filettati equidistanti dal centro, per l’eventuale inserimento di perni guida anti rotazione.
top

Presa, trasferimento, rilascio: precisione e stabilità in ogni fase con Octopus


In questo video potete vedere all’opera il piano di presa a depressione Octopus di Vuototecnica.

In tutte le fasi (presa, traslazione, deposito dei contenitori) l’Octopus garantisce grande sicurezza e stabilità.
Il cliente ha montato una piastra PV, dotata di ventose a soffietto in silicone alimentare.

Il vantaggio più evidente di queste particolari ventose, come potete notare, è che ogni confezione in materiale plastico viene prelevata in maniera molto salda e sicura, nonostante si presentino a volte altezze differenti tra loro sul piano di presa.
La struttura a soffietto delle ventose permette infatti di compensare i diversi livelli e prendere gli oggetti senza problemi. Considerando invece la fase di trasferimento dei pezzi, l’Octopus è in grado di offrire massima stabilità grazie all’ottimo grado di vuoto generato dal Venturi multistadio della serie PVP montato a bordo del dispositivo Octopus, sempre a marchio Vuototecnica.

La stabilità si riflette positivamente anche nell’ultima fase del processo. Infatti, il cliente ha trovato particolare soddisfazione anche nel posizionamento nella fase di deposito pezzi. È quasi impossibile perseguire la stessa precisione utilizzando aspiratori a canali laterali, che permettono alle ventose di prelevare gli oggetti ma li fanno ciondolare durante la fase di spostamento. Il movimento ondulatorio ha effetti negativi sul rilascio, che diventa così poco preciso. Questo accade perché gli aspiratori a canali laterali hanno in genere grande portata di aspirazione ma basso grado di vuoto. Octopus invece risolve il problema e vi dona massima efficienza in ogni fase.
top

Il valore del silenzio


Spesso quando si opera con generatori di vuoto pneumatici ci si ritrova con dispositivi magari validi da un punto di vista dell’efficienza e dell’uso ma problematici in quanto a vivibilità dell’ambiente di lavoro per il rumore che cagionano espellendo aria dallo scarico del tubo venturi.

Per questo motivo Vuototecnica ha lavorato per rendere la quotidianità degli addetti ai lavori più sostenibile, proponendo la propria gamma di silenziatori di scarico SSX e 2SSX, assemblabili su generatori di vuoto singolo stadio e multistadio. Il valore del silenzio non si conosce finché non si prova, dopotutto in azienda si trascorre la maggior parte della giornata e migliori condizioni vogliono dire spesso migliorata produttività e concentrazione.

I silenziatori di scarico SSX e 2SSX sono composti da un corpo cilindrico cavo, in alluminio anodizzato, contenente anelli di speciale materiale in fibre naturali, fonoassorbente e resistente a eventuali vaporizzazioni d’olio o liquidi.

SSX silencers
il silenzio è d'oro La loro configurazione “free flow” (con foro di scarico aperto dell’aria passante che ricorda i silenziatori per pistole), evita qualsiasi genere di rischio di occlusione che si ha normalmente con i silenziatori classici per aria compressa che sono generalmente chiusi. Occlusione generata normalmente dalla miscelazione di polveri provenienti dall’aspirazione del venturi che si uniscono alla condensa o ai vapori d’olio dell’aria compressa d’alimentazione dell’eiettore.

I silenziatori SSX e 2SSX sono in grado di abbattere sensibilmente il rumore dell’aria in fase di scarico dei generatori di vuoto e sono disponibili due versioni, che si distinguono per la lunghezza: più il silenziatore è lungo, maggiore è l’abbattimento del rumore.

Si può ottenere una riduzione della rumorosità da -13 a -20 dB (A) con temperatura di lavoro da -20 a +100 °C.

Distinguendosi per efficienza ed efficacia d’abbattimento sonoro, sono già stati impiegati in altri ambiti applicativi quali l’insonorizzazione di scarichi di valvole o cilindri pneumatici.
top

La nuova linea di pompe per vuoto a bagno d’olio RVP

pompa RVP160 - RVP200 Vuototecnica è orgogliosa di presentare la nuova linea di pompe per il vuoto a bagno d’olio, serie RVP.

Si tratta di un prodotto innovativo, tecnicamente completo nella sua dotazione standard, realizzato con materiali di ultima generazione e di grande qualità. Ha un rendimento molto elevato, e al tempo stesso è competitivo in termini di rapporto qualità/prezzo.
È di robusta e compatta costruzione, adatta a un uso continuativo e molto gravoso.

La pompa monostadio RVP, a palette rotative, con lubrificazione automatica a ricircolo, ha un'alta velocità di pompaggio nel campo di pressione assoluta compresa tra 850 e 0,5 mbar. È azionata da motore elettrico, accoppiato tramite un giunto di trasmissione elastico (ad esclusione del mod. RVP 15), conforme alle ultime normative europee.
Un grande passo in avanti è stato fatto in direzione di una più che ridotta rumorosità e una bassa temperatura di esercizio.
Una ventola centrifuga garantisce infatti un adeguato flusso d’aria per il raffreddamento.

Un serbatoio capiente di recupero dell'olio, dotato di cartucce disoleatrici in microfibra, abbatte i fumi. Una valvola a galleggiante recupera l’olio trattenuto da queste cartucce. L'olio contenuto nel sistema, svolge le funzioni di lubrificazione, di raffreddamento e di tenuta tra le parti rotanti delle pompe e quelle fisse. Sull’aspirazione, la valvola di ritegno è parte integrante delle pompe ed è di serie, mentre, su richiesta, può essere fornito un filtro idoneo a trattenere eventuali impurità aspirate.

Tutte le pompe, tranne i modelli RVP 15 e RVP 21, sono dotate di serie di una valvola zavorratrice gas, con un'elevata compatibilità al vapore acqueo.
depliant Vuototecnica Pompe 2015
top

Aspirare e trasportare granuli di colla, trucioli e granaglie grazie ai generatori di flusso CX


In questo filmato potete osservare un’applicazione dei generatori di flusso CX25 di Vuototecnica

L’impianto è stato progettato per il trasporto pneumatico in aspirazione e pressione di granuli di colla, in maniera semplice ed efficace.

Come vedete, i CX sono stati innestati sulla tubazione di trasporto dei granuli e sono alimentati da aria compressa a soli 2 bar di pressione.

L’assenza di parti in movimento ne consente inoltre l’uso continuo, senza sviluppare calore.
generatori di flusso CX25 Non hanno bisogno di corrente elettrica, perciò possono essere utilizzati anche in ambienti di lavoro che siano soggetti a pericolo d’incendio o deflagrazione.

Possono essere utili anche per trasportare per ampie tratte altri tipi di materiali: pellet e polveri con notevole dislivello in altezza, ad esempio. Di semplicissima manutenzione, sono disponibili anche in inox per il trasposto di polveri altamente abrasive.
top

Fattibilità di presa nel nuovo centro test Vuototecnica: Octopus in azione su bombolette spray


La personalizzazione è il punto di forza di ogni soluzione Vuototecnica ed è per questo che è stato realizzato un nuovo centro per il test dei dispositivi e dei prodotti, dotato di robot antropomorfi e a portale, per la realizzazione di test di fattibilità di presa.

In questo video, potete vedere i test di fattibilità effettuati per un costruttore, integratore di robot, che ha richiesto la possibilità di manipolare differenti formati di bombolette spray.

Nel video potete vedere in azione il sistema di presa a depressione Octopus, che con un’unica testa di presa dedicata, permette la manipolazione rigida e stabile di tutti i differenti formati di bombolette.

Questa soluzione ha garantito al cliente finale di eliminare la reggia in plastica che era solito utilizzare per tenere insieme ogni gruppo di bombolette, con grande risparmio, anche in termini di tempo.
Quando la concorrenza si limita a proporre, per i vostri progetti, componenti standard a catalogo, Vuototecnica adegua le proprie soluzioni alle vostre esigenze.
top

Controllo sotto vuoto delle confezioni a tenuta ermetica: Vuototecnica vi offre due soluzioni


Per il test di tenuta di bottiglie, barattoli di conserve e sottoli, flaconi, confezioni di plastica o latta e, in generale, per tutti quegli imballi che presentano una tenuta ermetica, come i flow-pack, le confezioni in cellophane o PVC, Vuototecnica propone gli apparecchi di collaudo sottovuoto ATP e ATS.

Sono impianti molto semplici da utilizzare che permettono di individuare anche minime fuoriuscite di aria dalle confezioni. Con ATP, il vuoto viene generato nel contenitore trasparente riempito d’acqua da un eiettore pneumatico multistadio. Basta inserire all’interno il prodotto per individuare il punto preciso della fuoriuscita d’aria.
Un perno tiene immersa nell’acqua la confezione. In caso di perdita, delle bollicine individuano subito il punto debole.

Anche il funzionamento dell’apparecchio elettrico ATS è intuitivo. Come vedete dal video, potete porre il sacchetto da testare dentro al contenitore in plexiglas. Creando il vuoto, il differenziale di pressione tra l’interno della confezione e il volume della campana in vuoto, fa rigonfiare il flow-pack, producendo così una spinta sulle saldature. Un mini vacuostato integrato permette di impostare il valore di vuoto del test di collaudo (secondo norma di legge o capitolato). ATS è disponibile in due modelli: ATS 20 con una campana dalla capienza di 21,5 litri e una pompa modello VTS 10 M e ATS 05 con campana di 5,5 litri e pompa modello VTS 4M.

I valori di collaudo di ATP e ATS sono regolabili e ripetibili automaticamente per evitare di doverli sempre reimpostare. A richiesta, Vuototecnica realizza versioni speciali di entrambi gli apparecchi, per soddisfare le vostre esigenze.
top