separatore
Disegni CAD Vuototecnica su Traceparts
Vuototecnica Newsletter
Follow us on Twitter
let's meet on facebook
Keep in touch on Linkedin
Vacuumdaily.com
Vacuumdaily.net
YouTube Vuototecnica Channel

Risultati per la ricerca di "250510" Vuototecnica

Cilindri a vuoto

Cilindri a vuoto

I cilindri illustrati in questa pagina funzionano a depressione.
Creando il vuoto nella camera anteriore del cilindro, lo stelo, solidale al pistone, fuoriesce, vincendo la forza di contrasto della molla.
Il pistone è spinto dall’aria a pressione atmosferica che entra nella camera posteriore del cilindro, attraverso lo stelo forato.
Maggiore è il differenziale di pressione che si viene a formare tra la camera anteriore del cilindro in vuoto e la camera posteriore a pressione atmosferica, maggiore è la forza di spinta del pistone.
Il rientro dello stelo può avvenire in due modi:
1°) Impedendo l’ingresso dell’aria atmosferica attraverso il foro dello stelo e con il vuoto inserito, si elimina il differenziale di pressione nel cilindro; in questa condizione prevalgono le forze della molla di contrasto e della pressione atmosferica sullo stelo stesso che viene così spinto nella sua posizione iniziale.
2°) Escludendo il vuoto, si ripristina la pressione atmosferica in entrambe le camere del cilindro; anche in questo caso, non esistendo più nessun differenziale di pressione, lo stelo ritorna nella sua posizione iniziale, spinto dalla molla di contrasto.
Il primo modo descritto è il vero principio di funzionamento per il quale è stato progettato il cilindro.
Assemblando, infatti, una ventosa sullo stelo forato del cilindro e creando il vuoto, questa verrà portata rapidamente a contatto dell’oggetto da prendere, lo solleverà automaticamente e lo tratterrà per tutto il tempo che il vuoto rimarrà inserito.
Per questa loro caratteristica i cilindri a vuoto, abbinati a ventose, sono particolarmente consigliati per la presa e la movimentazione di piccoli oggetti lavorati, stampati o termoformati, per la separazione di fogli di carta, di plastica, di impiallacciature, di lamiere sottili, ecc. e per il prelievo di circuiti stampati o pannelli di plastica sottili.
Cicli brevi e veloci, comandati da una sola valvola per l’intercettazione del vuoto; compensazione automatica delle altezze degli oggetti da prendere e nessuna compressione su di essi; pistone antirotativo; massima facilità di fissaggio: sono questi i veri vantaggi che offrono i cilindri a vuoto.
Interamente realizzati in alluminio anodizzato, sono dotati di una speciale boccola in tecnopolimero autolubrificante, a garanzia di una lunga durata.
Codici prodotto: 250510 251010 251510

10.23  
File CAD su TraceParts
Zoom immagine
Inizio pagina Prossimo